Nubi

470 Nubi 28 dic

Mi è stato chiesto, come esercitazione, di fissarmi degli obiettivi per il prossimo anno. Sono giorni che ci penso e non trovo qualcosa per il quale valga la pena veramente darsi da fare e lottare, come ho sempre fatto in passato.

Un tempo per me, raggiungere obiettivi ambiziosi era un imperativo categorico, quasi un’ossessione.
La manìa di perfezionismo viene da lontano, forse da mio padre, che non era mai contento dei risultati raggiunti, che mi spronava a fare di più e meglio.

Ora non m’interessa migliorare per dimostrare qualcosa a qualcuno, ho raggiunto una sorta di equilibrio con le mie insicurezze. Le accetto come parte del percorso, non le evito e non le sfido. Sono pazientemente aperta al nuovo.

Accetto le mie tristezze, i momenti di solitudine, le malinconie come nubi che corrono sul cielo della vita, che resta inesorabilmente, sempre e comunque sereno…