Nella morte si trova la vita

SONY DSC

Odio le feste comandate, mi mettono addosso un’immensa tristezza. In questi giorni rifletto continuamente sulla morte.

Ogni piccola cosa mi ricorda Morgana: le ossa disseminate in giardino, i suoi peli ancora sulla coperta, il suo pelouche di fianco al mio cuscino. Eppure non sono depressa.

Mi manca, ma non sono infelice.

Avrei potuto cancellare ogni sua traccia, come ho cercato di fare dopo la morte di mia madre, ma è un’operazione inutile e controproducente.

Non si può e non si deve eliminare il dolore dalla vita, perché è nella sofferenza che si sondano le proprie profondità e si scoprono inaspettati spiragli di luce.

È nella morte che si trova la vita, è nell’assenza che si fa più forte la presenza di chi è rimasto. È nell’incertezza che nasce la sicurezza di potercela fare…

Posted in: